Vino, profezia di Morgan Stanley: nel futuro sarà una rarità

Vino, profezia di Morgan Stanley: nel futuro sarà una rarità

Amanti del vino, godetevi questi anni perchè saranno gli ultimi d’abbondanza: nel futuro, il vino sarà merce rara e difficilmente bevibile dall’uomo comune.

Questo il messaggio di Morgan Stanley: la banca d’affari ha reclutato due esperti australiani, Tom Kierath e
Crystal Wang, che sono giunti alla sgradevole conclusione.

Secondo Kierath e Wang, la scarsità futura sarà determinata da due fattori.

Da un lato la crescita dei Paesi assetati di vino, con le potenze tradizionali, come USA e Paesi Europei, ha dividersi il mercato con gli emergenti: Cina e le altre tigri asiatiche, ma anche
Cile, Australia e Nuova Zelanda.

Dall’altro, l’impossibilità di aumentare la produzione, causata da fenomeni come i cambiamenti del clima e la cementificazione di aree potenzialmente destinabili all’agricoltura.

Nel presente, la ricerca parla di un aumento dei consumi (+1%) e da un calo della produzione (-10%): nel futuro, “I prezzi diventeranno più elevati” e la materia prima più
scarsa.

Perciò, Stanley Morgan consiglia di acquistare vino pregiato e poi di rivenderlo.

Capace di ottenere grande risalto, la previsione ha però ottenuto anche critiche e pareri contrari.

Come quello dell’Organisation internationale de la vigne e du vin, che non vede nessuna crisi irreversibile per il bino: anzi, “Dopo 5 raccolti consecutivi modesti (dal 2007 al 2011) e un 2012
eccezionalmente scarso, la produzione 2013 può essere considerata relativamente elevata, tenuto conto della riduzione del vigneto comunitario”.

Lo stesso scetticismo è mostrato da Riccardo Cotarella, presidente degli enologi italiani. Cotarella è lapidario: “Un mondo senza vino? È più probabile che finisca
prima il petrolio”.

Il vero problema è la sostenibilità ecomica del sistema, specialmente il reddito dei produttori: “Il guadagno medio è di 500 euro a ettaro per le uve usate per i vini da
tavola. Discorso diverso per le zone doc e dogc, ma il mondo non beve solo Brunello o Amarone”. Insomma, se l’uomo rimane un enigma, la natura rimane una risorsa: “E’ vero che si affacciano sul
mercato nuovi Paesi, ma ora il clima mutato permette di fare il vino in luoghi del Nord prima impensabili”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento