Port-au-Prince – Due anni dopo il terremoto ad Haiti, il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP),
insieme al governo e ai diversi partners, ha migliorato le condizioni della sicurezza alimentare anche se molto rimane ancora da fare e il WFP continua a fornire assistenza alimentare a 1,5
milioni di persone ogni mese.

Circa 1,1 milioni di bambini ricevono ogni giorno un pasto a scuola come parte del Programma Nazionale di Pasti Scolastici di Haiti, che coinvolge oltre 3.000 istituti scolastici, mentre circa
240.000 bambini al di sotto dei 5 anni, le donne incinte o che allattano possono contare su prodotti specifici per migliorare il proprio stato nutrizionale.
 
“I programmi di alimentazione scolastica del WFP rappresentano un fattore importante nella costruzione del futuro del paese in quanto aiutano i bambini a studiare e a crescere sani”, ha detto
Myrta Kaulard, rappresentante del WFP ad Haiti. “Le madri e i più giovani sono la nostra priorità mentre la nutrizione rappresenta il fattore decisivo per una vita migliore delle
future generazioni”.

Subito dopo il terremoto del 2010, il Programma Alimentare Mondiale aveva fornito assistenza alimentare di emergenza a circa 4 milioni di haitiani. Dopo questa prima fase, in cui l’intervento era
servito ad evitare una crisi alimentare, il governo di Haiti aveva chiesto al WFP di lavorare a una serie di programmi per sostenere gli sforzi di riconversione e migliorare la sicurezza
alimentare nel paese.

Uno dei punti forti degli sforzi di riconversione è stato il sostegno all’agricoltura locale, con il collegamento tra programmi di alimentazione
scolastica e i produttori di latte, mais e riso. “Molte famiglie e intere comunità hanno tratto beneficio da questo forte legame tra agricoltura locale e pasti scolastici” ha detto
Kaulard.

L’anno scorso anche 57.000 haitiani, affetti da HIV o tubercolosi, e le loro famiglie, hanno ricevuto assistenza alimentare, in modo da aiutare loro a curarsi e le famiglie a far fronte ai minor
redditi percepiti, a causa della malattia.

Dopo il terremoto, i progetti di “impiego temporaneo” del WFP  hanno creato 200.000 nuovi posti di lavoro per i capi famiglia, con un miglioramento della sicurezza alimentare per un milione
di persone, oltre ad aver contribuito agli sforzi di ricostruzione del paese. Una valutazione di questo programma ha evidenziato come la parte di salario pagata in contante sia stata spesa
prevalentemente per l’acquisto di cibo, rappresentando uno stimolo per  l’economia locale. Attualmente gran parte dei progetti sono sospesi e il WFP sta cercando nuovi fondi per poterli
riattivare.

“Mentre rendiamo omaggio alle vittime del devastante terremoto del 2010 e alle loro famiglie, dobbiamo ricordare ogni giorno che il nostro lavoro è ben lontano dall’essere concluso.
Dobbiamo continuare a lavorare con il governo e con i nostri partner per migliorare la sicurezza alimentare ad Haiti,” ha detto Kaulard. “Il WFP è grato ai donatori per la
generosità dimostrata e conta sul loro sostegno per aiutare gli haitiani a ricostruire il proprio futuro”.

Il WFP è la più grande agenzia umanitaria del mondo e l’organizzazione delle Nazioni Unite che combatte la fame nel mondo. Ogni anno, in media, il WFP fornisce cibo ad oltre 90
milioni di persone in più di 70 paesi.

Visita il sito web in italiano: www.wfp.org/it,
seguici su Twitter https://twitter.com/#!/WFP_IT
Facebook http://www.facebook.com/ProgrammaAlimentareMondiale

Redazione Newsfood.com+WebTv