Zibibbo di Pantelleria al FIVI Piacenza 2019 – Antonio Gabriele incontra Giampietro Comolli

Zibibbo di Pantelleria al FIVI Piacenza 2019 – Antonio Gabriele incontra Giampietro Comolli

FIVI Piacenza 2019 – Lo Zibibbo di Pantelleria di Antonio Gabriele incontra Giampietro Comolli, grande esperto del  Moscato di Alessandria

 

 

FIVI A PIACENZA,  23 NOVEMBRE PRIMA GIORNATA BOOM DI INGRESSI AL MERCATO DEI VINI

IL MERCATO DIRETTO ATTIRA MIGLIAIA DI PERSONE. TANTI CARRELLI DELLA SPESA FRA I 626 BANCHI DI VIGNAIOLI, CON i LORO VINI… DELLE LORO VIGNE

AD UN BANCO HO INCONTRATO ANTONIO GABRIELE, PRODUTTORE DI PANTELLEIA DOC. UNICO RAPPESENTANTE DELLO ZIBIBBO DI PANTELLERIA   

 

Giampietro Comolli
Inviato Speciale Newsfood.com
FIVI -Italy, Piacenza 22-23-24 novembre 2019

PiacenzaExpo, terza e ultima giornata del Mercato dei vini dei vignaioli indipendenti – FIVI

Nove anni fa erano meno di 250, oggi sono 626 le cantine associate a FIVI, Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti, presenti a Piacenza per il Mercato dei Vini. Un appuntamento annuale che convoglia a Piacenza, in tre giorni (quest’anno anche il Lunedì per soddisfare richieste di operatori e ristoratori), circa 20.000 appassionati, veri clienti… che acquistano.

Molti amici giornalisti presenti al FIVI-Italy, come mi sono permesso di battezzare l’evento piacentino, hanno evidenziato il successo di una manifestazione, sempre in crescita, che rappresenta una occasione, economica anche, molto interessante del mondo del vino italiano verso il consumo e il consumatore italiano, forse l’unico in sintonia con le domande del mercato interno, in linea con una strategia vincente e utile. Contro vari detrattori e poco lungimiranti pensatori.

Mi ha fatto piacere incontrare a Piacenza  Michele Zanardo, presidente del Comitato Nazionale Vini che era impegnato a confrontarsi con diversi produttori. Ottimo: il dialogo con i produttori è indispensabile per sapere e capire le motivazioni di tante richieste, prese di posizione, motivandole e sostenendole soprattutto quando si parla di “tutela e disciplinari” che non sono strumenti “commerciali per vendere” ma sono norme di rispetto e di diritto “del territorio, delle vigne”.

Certo FIVI è solo una associazione di 1300 aziende di vignaioli veri (5000 etichette in tutto circa), artigiani del vino come si definiscono, ma lascerei da parte i clichè-mood. Qui ho visto vitivinicoltori appassionati. Parlando con loro si capisce che è un lavoro “ di famiglia”, cui tengono per passione, dove la vendita diretta, il contatto con il cliente è un plus in più che offrono. E’ bene che al banco ci sia sempre il produttore-titolare in persona: fa la differenza.

La prima giornata  è stata un evento nell’evento. Già alle 9,30 del mattino c’era coda dall’uscita autostrada A1 Piacenza sud  al parcheggio fiera. Fra i banchi di un mega padiglione che si presta a questo tipo di eventi, nel corridoio “F” alla postazione “17” incontro Antonio Gabriele (n.d.r. vedi intervista Newsfood.com a FIVI 2018), co-vincitore a Passitaly2019 con il Pantelleria Doc Zibibbo Bianco Don Klocks e medaglia d’argento per lo Zibibbo Doc Passito Bagghiu.

Qui ogni notizia: https://azienda-vinicola-gabriele.business.site/. “ La nostra azienda vitivinicola – orgogliosamente mi dice Gabriele – nasce nel 2015 ma con una lunga tradizione vinicola iniziata con Giovanni  Gabriele. Due etichette e un unico obiettivo: alta qualità di un vino riconoscibile sempre dal vitigno e dall’origine del terroir.

L’assaggio è quasi perfetto, dico quasi, perché è bene che un vignaiolo punti sempre più in alto: un profumo-sapore che è inconfondibile rispetto ad altri vini passiti anche con lo stesso vitigno di Moscato d’Alessandria. E’ il suolo vulcanico e la brezza marina continua che fanno la differenza, anche con vini di altre isole del Mediterraneo come Malta, Lampedusa, Favignana e la Sicilia stessa.

Ecco è proprio questo – continua Gabriele – che il consumatore cerca, vuole, pretende e nessun vino può essere fatto con le leggi o i decreti. Noi produttori siamo singolarmente i garanti di questa identità e identificazione di vino-territorio. Certo il gruppo affiatato di vitivinicoltori dello stesso territorio, è un motore in più. Oggi indispensabile”.

Parole sante verrebbe da dire, le stesse che direi e che ho sempre sostenuto. Non esistono più i vini ottenuti da blend di uve prodotte in territori differenti. I casi eclatanti e un po’ forzati assurgono subito alla cronaca, soprattutto se si parla di Docg e Doc. “Noi vogliamo – prosegue Gabriele – continuare a produrre un esclusivo e unico Pantelleria Doc Zibibbo senza altre aggiunte o menzioni, tranne che bianco e passito, perché la tradizione di come si ottiene l’uva “passa o seccata naturale” a Pantelleria è antichissima, sempre quella, diversa dalle altre e quando si assaggia il vino… si sente ”.

Più chiaro di così non potrebbe esserlo. E posso confermarlo. Un recentissimo assaggio di vini passiti, sempre a base di uva Moscato Bianco o Comune o Giallo o d’Alessandria, mi è stato sufficiente,  per riconoscere fra tanti (tutti alla cieca) riconoscere quello di Pantelleria. Quindi se vogliamo essere tutti, dico tutti, rispettosi del consumatore anche singolo (e non dell’astratto e indefinito mercato) non è tanto una questione di etichetta, di Doc (sarebbe meglio se lo Zibibbo di Pantelleria diventasse Docg in brevissimo tempo), di legge, di diritto, di disciplinare corretto o non corretto… ma è solo una questione di gusto e sapore. Non si può tradire il consumatore o nascondersi dietro una etichetta. Fu lo stesso barone siciliano, non pantesco, Mendola che per primo fra il 1868 e il 1874, studiò, identificò, diede una paternità, classificò lo Zibibbo di Pantelleria per il suo aroma, sapore e gusto e non per la forma della foglia. Annacquare, disperdere, blendizzare e standardizzare lo Zibibbo di Pantelleria vuol dire voler abbandonare e dimenticare in mezzo al Mediterraneo una terra italiana.

Giampietro Comolli

Redazione Newsfood.com
© Riproduzione Riservata

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

 

Vedi anche:

Leggi Anche
Scrivi un commento