L’Uovo e la Colomba: kermesse gastronomica al Palazzo delle Stelline

L’Uovo e la Colomba: kermesse gastronomica al Palazzo delle Stelline

Pasqua si avvicina e, quindi, è già il momento di cominciare ad individuare colomba e uova di cioccolato da portare a casa per il 16 aprile, Pasqua di Resurrezione.

COLOMBA GHIACCIA ZUCCHERO

COLOMBA GHIACCIA ZUCCHERO

A Milano, per rendere per semplice la ricerca di buoni dolci pasquali, domenica 2 aprile è il programma “L’Uovo e la Colomba”, la kermesse gastronomica ideata e organizzata in una location storica milanese dallo Studio BonnePresse per promuovere le eccellenze artigiane con un’attenzione speciale al sociale.
La location è indubbiamente suggestiva, nei chiostri della Magnolie di Palazzo delle Stelline (corso Magenta 61, dalle 10.30 alle 19) che si affaccia sulla Vigna di Leonardo e, inoltre, dirimpettaio della Basilicata di Santa Maria delle Grazie, imponente opera architettonica emblema della religiosità cattolica, ed è legata in modo indissolubile all’affresco di Leonardo da Vinci, il Cenacolo, conservato al suo interno, nel refettorio.

LOLE, così, l’appuntamento pasquale di domenica 2 aprile con la kermesse milanese dedicata ai simboli della Pasqua, potrebbe anche essere una buona occasione per un’immersione nel fantastico mondo di Leonardo da Vinci, magari insieme ai bambini, visto che nell’ambito della terza edizione di “L’uovo e la colomba” sono previsti due laboratori di pasticceria per i bambini dagli 8 ai 12 anni e due laboratori creativi dove il tema il riciclo della carta che, attraverso l’interpretazione di confezioni alimentari, si trasforma in oggetti decorativi e di gioco (5-12 anni). Entrambi i laboratori sono a ingresso libero ma solo su prenotazione ([email protected]).
L’evento, a ingresso libero, ha l’obiettivo di far conoscere al grande pubblico poche e selezionate eccellenze della pasticceria artigianale attraverso la colomba e l’uovo di cioccolato (offerti in assaggio gratuito e in vendita a un prezzo calmierato) a sostegno di una cultura del cibo di qualità.
13 le eccellenze della pasticceria artigianale presenti quest’anno a “L’Uovo e la Colomba”, con colombe classiche o per vegani, integrali con noci e mirtilli o con amarena e macadamia o al cioccolato, tutte a 25 euro al chilo e formati da 1000 grammi. Grande fantasia anche per le uova di Pasqua, decorate con fiori o presentate con camouflage davvero unici.
Questi gli espositori:
Antoniazzi, di Bagnolo San Vito (Mn) (www.antoniazzi.biz); bar pasticceria Stocchi, di Amatrice (Ri) (www.facebook.com/Bar-Pasticceria-Stocchi-Amatrice); cioccolateria Vetusta Nursia, di Norcia (Pg) (www.norciaciok.it); Cooperativa sociale Buoni Dentro, di Milano (www.buonidentro.it); il Forno dei Viganò, di Desio (Mb) (www.facebook.com/viganopasticceria/); Marra, di Cantù (Co) (www.marraweb.it/mw/); Martesana Milano, di Milano (www.martesanamilano.com); panificio Fronzi, di Pieve Torina (Mc) (www.panificiofronzi.it); pasticceria Angela, di Milano (www.pasticceriaangela.it); pasticceria Dolcearte, di Mornago (Va) (www.pasticceriadolceartevarese.com); pasticceria Domenico Beltrame, di Verona (www.pasticceriadomenicobeltrame.it); pasticceria Giotto dal Carcere di Padova (www.idolcidigiotto.it/it); pasticceria Paolo Riva, di Treviglio (Bg)    (www.pasticceriapaoloriva.com)
In questo elenco, se ci fate caso, ci sono due offerte gourmet e artigianali che arrivano da laboratori in attività in case circondariali e, cioè, la Pasticceria Giotto dal Carcere di Padova e la milanese Cooperativa sociale Buoni Dentro con il proprio laboratorio di panificazione interno all’Istituto di Pena minorile Beccaria (www.buonidentro.it) impegnata a valorizzare l’occupazione come esito formativo iniziato nell’Istituto. Quindi, un’attenzione per il sociale da parte degli organizzatori della manifestazione. Ma, anche,  un grande sostegno alle zone terremotate. Infatti, ospiti della kermesse sono tre aziende del Centro Italia: il Panificio Fronzi di Pieve Torina, piccolo borgo marchigiano i cui edifici sono stati tutti dichiarati inagibili (la realtà marchigiana è sostenuta dal più ampio progetto “difendiAmo il Made in Marche” che unisce alcune realtà
gastronomiche della Regione); la Cioccolateria Vetusta Nursia di Norcia (Perugia) e il bar pasticceria Stocchi di Amatrice (Rieti).
Infine, i Laboratori di cucina per i ragazzi (8-12 anni; su prenotazione e gratuiti, [email protected]), curati da Edoardo Ruggiero, chef del ristorante milanese La Brioschina che, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Buoni Dentro e con L’Arte Bianca, condurrà i ragazzi nel mondo della pasticceria preparando con loro torte, biscotti e cioccolatini.
E, i laboratori di trasformazione e riciclo  (5-12 anni; su prenotazione e gratuiti) in
collaborazione con Ranaba Ceramica (www.ranabaceramica.it) e con Comieco , Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica (www.comieco.org), ma a numero chiuso per un massimo di 15 bambini per ogni laboratorio. Durante il laboratorio, si trasformano le classiche scatole in cartone delle uova in animali o giochi a vento. I bambini saranno accompagnati nell’utilizzo dei materiali e delle tecniche, ma lasciati liberi di elaborare forme a loro scelta per stimolare la creatività e potranno portare a casa l’oggetto realizzato.

Maria Michele Pizzillo
per Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply