Hot dog come sigarette, l’ultima crociata dei medici USA

Hot dog come sigarette, l’ultima crociata dei medici USA

Far considerare ai consumatori gli hot dog pericolosi come sigarette e ridurre così il consumo dei panini in questione.

Questo l’obiettivo dei medici USA riuniti nel Physicians Committee for Responsible Medicine, associazione di medici di base con sede a Washington DC.

Le preoccupazioni dei medici sono sostenute da ricerche come quella del World Cancer Research. Datata 2007, tale indagine ha concluso come bastano 50 grammi di carne lavorata al giorno (la dose
del classico salsicciotto) per far salire il rischio di cancro al colon del 21%. Allora, spiega Susan Levin comandante delle operazioni, ” Gli hot dog dovrebbero essere venduti con etichette
informative che aiutino i consumatori a comprendere i rischi per la salute”.

La dottoressa ed i suoi compagni sono stati particolarmente attivi a Luglio, negli USA tempo di manifestazioni sportive accompagnate da valanghe di hot dog. Il battesimo del fuoco ad
Indianapolis, dove la corsa automobilistica attira spettatori in grado di mangiare più di 1,1 milione di hot dog.

Tuttavia, quest’anno gli amanti del panino con mostarda, cipolla e ketchup hanno ricevuto una sgradita sorpresa. Indianapolis e dintorni erano tappezzati di cartelloni, dove i salsicciotti
erano inseriti in un pacchetto di sigarette, completo di teschio sulla confezione. A rendere più chiaro il messaggio, la frase ” Attenzione, gli hot dog nuocciono gravemente alla
salute”.

Comunque sia, gli amanti degli hot dog non vogliono rinunciare al loro piatto preferito, legato agli States tanto quanto la Statua della Libertà o la bandiera stellata.

Dalla loro parte, una comunicazione della American Cancer Society, che ritiene come “Non è necessario eliminare il consumo di carni rosse, normali o trasformate. Ma il messaggio è
che questi alimenti non dovrebbe essere il pilastro della dieta”.

FONTE: “Billboard Near Brickyard Warns NASCAR Fans of Cancer-Hot Dog Link” PCRM.org, 25/07/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento