Legambiente e apicoltori: “Stop ai pesticidi killer delle api e dell’ambiente”

Legambiente e apicoltori: “Stop ai pesticidi killer delle api e dell’ambiente”

Lo stop all’uso di neoticodinoidi, gli insetticidi killer delle api, ha dato i suoi frutti ma la scadenza del 20 settembre 2010 del provvedimento che ne sospende l’utilizzo, rischia di vanificare
i risultati positivi ottenuti e di mettere nuovamente in pericolo la popolazione delle api e la produzione di miele.

Per questo Legambiente a sostegno delle due associazioni apistiche nazionali Unaapi e Fai chiede ai Ministeri della Salute e dell’Agricoltura e agli Assessori delle Regioni a maggiore vocazione
maidicola, il definitivo ritiro dell’autorizzazione d’uso dei concianti del mais.

Secondo gli apicoltori infatti gli accertamenti scientifici in atto con il progetto di ricerca, pubblico e indipendente, Apenet, confermano il non rimediabile effetto tossico su api e ambiente
dei concianti neurotossici e la comprovata efficacia di metodi agrotecnici di difesa del mais basati sulla rotazione della coltura.

Pertanto anche per Legambiente è necessario stabilire il divieto definitivo all’uso di questi pesticidi (cosa che ha permesso, nei mesi di sospensione, il ripopolamento degli alveari),
ribadire il divieto d’irrorazione di insetticidi su mais in fioritura (il cui polline è abbondantemente bottinato da api e altri insetti utili), e impedire la monocoltura in successione
a favore della rotazione colturale.

La richiesta formale degli apicoltori inviata ai Ministeri è accompagnata da nota tecnica esplicativa che ricorda come nel periodo del divieto d’impiego dei neonicotinoidi si sia
riscontrata un’evidente ripresa dello stato di salute e di buona produttività degli allevamenti apistici italiani e che nel periodo di mancato impiego di semi conciati non si siano
verificati fenomeni, al contrario delle allarmistiche previsioni, di danni da diabrotica su mais. La popolazione del parassita del mais, infatti, si è sviluppata al suo massimo proprio
nel 2008, anno di più massiccio se non totale uso di concianti del mais e che nelle primavere del 2009 e del 2010 gli unici e rari spopolamenti primaverili di alveari sono stati
conseguenti all’uso illegale di sementi conciate, mentre negli anni precedenti erano stati decimati decine e decine di migliaia di alveari.

Nel 2010 finalmente, dopo un’annata senza concianti neurotossici, ma soprattutto grazie alla rotazione delle colture, il monitoraggio delle catture ha confermato una riduzione sostanziale della
presenza del parassita. Tant’è che finalmente anche il Servizio fitosanitario della Regione Lombardia ha segnalato in modo pubblico non solo l’inopportunità e dannosità dei
trattamenti insetticidi in fioritura del mais ma anche la loro illegalità.

“L’approccio che privilegia l’intervento chimico, con uso di concia delle sementi con i neonicotinoidi – conclude Legambiente – ha dato prova d’essere assolutamente inappropriato e incapace di
contenere le popolazioni del coleottero nord americano. Per combatterlo basta cambiare periodicamente coltivazione con la rotazione colturale, che non richiede alcun uso d’insetticidi e di seme
conciato”.

 

legambiente.it
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento