Olio extravergine d’oliva biologico: un alimento per viver sani e star bene

Olio extravergine d’oliva biologico: un alimento per viver sani e star bene

L’olio extravergine d’oliva biologico: un alimento per viver sani e star bene

L’olio d’oliva, e maggiormente l’extra vergine, possiedono delle qualità organolettiche, che sono fondamentali per la nostra salute e per il benessere del nostro corpo e del nostro organismo. Da un punto di vista scientifico, bisogna considerare l’importanza dei polifenoli, che sono la base per il sapore caratteristico dell’olio.

In genere più un olio è ricco di polifenoli più è piccante e fruttato.

Nel corso del tempo anche le popolazioni non appartenenti all’area del Mediterraneo, che comprende Grecia, Italia e Spagna, maggiormente, hanno imparato la lezione relativa all’efficacia dell’olio d’oliva. Le caratteristiche e le qualità antiossidanti, ovvero quella capacità di combattere i “radicali liberi” dell’organismo in grado di attivare forme tumorali e altre malattie, è stata riconosciuta a livello mondiale come una delle caratteristiche più preziose e vitali di questo tipo di alimento.

Da un punto di vista benefico, tralasciando per un attimo le caratteristiche di gusto e di bontà, è interessante notare come l’assunzione di olio extravergine di oliva biologico riesca a ridurre il colesterolo cattivo, che abitualmente è in circolazione nel nostro sangue. Questo, è stato osservato, riesce a ridurre e aiuta a prevenire dal rischio di infarti e altre malattie di tipo cardio-vascolare.

Bisogna ricordare, che da un punto di vista scientifico, così come a livello molecolare, le olive italiane in particolare sono quelle che più contengono i polifenoli. Infatti l’oliva più diffusa, ovvero la Coratina, possiede un contenuto di polifenoli elevato, che ne caratterizzano il gusto, piuttosto piccante e fruttato.

Le qualità dei polifenoli, non solo fanno bene al nostro organismo, ma sono importanti anche per rendere l’olio più facile a essere conservato, mantenendo le sue migliori caratteristiche organolettiche. Altre componenti benefiche dell’olio extravergine sono gli acidi grassi insaturi, in particolare l’acido oleico, che è monoinsaturo.

Questo viene, non a caso, considerato uno dei migliori custodi delle arterie, per via del fatto che si lega al  colesterolo nel sangue trascinandolo via. Ricordiamo che esiste sia il colesterolo buono che quello cattivo.

L’olio però in particolare non contiene colesterolo, l’acido oleico ha la capacità di abbassare il colesterolo cattivo, e di aumentare invece quello buono. In tempi piuttosto recenti un importante studio è stato condotto dall’Università di Milano, per quanto riguarda il dipartimento di farmacia.

Questo importante studio ha dimostrato le proprietà antiossidanti dei fenoli presenti nell’olio extravergine d’oliva. Entrando un po’ di più nello specifico, e quindi per forza di cose nei tecnicismi: l’attività antiossidante dei fenoli nei confronti delle Ldl, di inibizione della formazione dei trombi, di anti infiammazione e di capacità di aumento della sintassi dell’ossido nitrico, con azione vasodilatatrice, oltre che di diminuzione dei radicali liberi.

Interessante notare come un altro studio condotto dal professor Ferrara dell’università Federico II di Napoli ha dimostrato che l’olio extravergine di oliva, può evitare l’assunzione di farmaci per chi soffre di ipertensione.  L’olio extra vergine di oliva è un prodotto molto utilizzato in gastronomia per il suo sapore e per i molteplici benefici per la nostra salute.

Per certi versi possiamo quindi affermare che il consumo dell’olio di oliva, se fatto con criterio e attenzione ci aiuta a vivere bene e a proteggere il nostro corpo e il nostro organismo dagli agenti esterni. Un vero e proprio “unguento” ed elisir di lunga vita.

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply