La maggioranza ha fatto approvare in Senato il decreto fiscale collegato alla Finanziaria, con 162 voti favorevoli e 155 contrari.
Il testo da 6, 7 miliardi di euro è quindi passato senza il ricorso alla fiducia e, grazie alla compattezza dello schieramento dell’Ulivo, non ha subito alcuna modifica.
Ecco alcune tra le principali novità.
Al contrario di quanto precedentemente previsto, il bollo non sarà gratuito per le auto Euro 4 e 5 e per i motorini ecologici. Questo, inoltre, salirà a 26 euro (al posto di
19,11) per le moto fino a 11 Kw, con un aumento di 1,70 euro per ogni kw di potenza in più (invece di 0,88).
Novità anche in tema di sicurezza stradale, per cui sarà proibita la circolazione per due mesi a coloro che saranno sorpresi a guidare un motorino senza casco, con il casco
slacciato o a trasportare un passeggero non provvisto di quest’ultimo. Se l’infrazione verrà ripetuta nell’arco di 2 anni, scatterà il divieto a circolare per 90 giorni.
Novità anche sul fronte Inail: Il fondo per pagare i premi Inail, infatti, sarà innalzato da 50 a 170 milioni di euro.
Per gli agricoltori sono previste misure positive, poiché coloro che hanno un giro d’affari inferiore a 7000 euro saranno esentati dal versamento dell’imposta e dagli obblighi
documentali e contabili.
E il pagamento dell’Ici diventerà obbligatorio anche per i negozi all’interno di porti ed aeroporti.

Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262